Archivio

Il libretto arancione | L’estate del cambiamento [I]


Primo agosto, tempo di ferie. A Cagliari il consiglio comunale lavora ancora una settimana e poi lascia tirare il respiro anche ai consiglieri.  E fa sempre bene una lettura. Ho pensato per quest’estate, mentre si riprende fiato, di postare una lettura a puntate che potrà accompagnare l’estate del cambiamento.

 Il libretto arancione

Questo libretto arancione si rivolge agli esponenti di tutte le anime del centrosinistra, per discutere insieme, «alla pari» e «nessuno escluso».

 Nella speranza che la politica italiana sappia offrire a tutte le spinte che provengono dal basso (ma che puntano molto in alto) il protagonismo e l’interlocuzione necessari al cambiamento.

 Il libretto vuole essere uno strumento-base per confrontarsi con la società civilissima che è emersa da questa bella primavera, per discutere di partecipazione politica e di un progetto di governo che guardi finalmente al futuro. Alla fine del ventennio, con tutti i ventenni che vogliono cambiare il paese, senza cambiare paese.

Prefazione

«Se fossi un ragazzo di provincia, dopo aver visto quel che è successo a Milano, adesso avrei la speranza che succeda anche nella mia città. Vorrei fare il volontario per un candidato che conosco e che stimo, e vorrei che il suo comitato elettorale fosse un luogo aperto in cui tutti possono portare il loro entusiasmo e le loro idee. Vorrei che il Pd lo capisse, e permettesse ai suoi elettori di scegliersi i propri candidati a Camera e Senato con primarie aperte e libere».

[…continua]

a cura di Giuseppe Civati e Paolo Cosseddu
in collaborazione con Rita Castellani, Samuele Rocca e Filippo Taddei

Il libretto arancione

0 Comments

  • Grazie, Matteo. La tua solerzia mi fa sempre ben sperare nel futuro della nostra città! Sarò un’assidua lettrice del tuo…del nostro libretto arancione. Comunque BUONE VACANZE ! Un abbraccio. Am.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *